Cose interessanti nei dintorni

ciriè TERRE DI MARGHERITA DI SAVOIA

Terre di Margherita di Savoia

Marchesa del Monferrato e Signora delle Castellanie di Cirié, Caselle, Lanzo.
Nel 1296 Giovanni I, marchese di Monferrato, sposava Margherita di Savoia, figlia di Amedeo V detto Il Grande e cedeva alla consorte i diritti sulle castellanie di Cirié, Lanzo e Caselle. Fu così che Cirié divenne feudo dei Savoia. Margherita elesse a sua dimora il castello di Cirié e regnò nelle sue terre sino alla morte, sopraggiunta nel 1349.
Margherita gestì con fermezza le tre castellanie. Riuscì a contrastare i pericoli e redimere le pretese che dall’esterno incombevano sui suoi possedimenti. Fece costruire molti ricetti per la difesa delle popolazioni, ma soprattutto seppe accattivarsi la benevolenza dei sudditi con la concessione di statuti e di franchigie che alleggerivano i pesanti obblighi gravanti sulla comunità. Il suo fu un governo saggio, caratterizzato da un lungo periodo di pace. Un’epoca emblematica che trasformò il territorio da travagliata zona di confine a nucleo storico del regno sabaudo. www.leterredimargherita.it

 

 bandiera eng                             

 

Margherita of Savoy lands
Monferrato marquise and Lady of the Castles of Cirié, Caselle, Lanzo.
In 1296 John I, marquis of Monferrato, married Margherita of Savoy, Amedeo V’s (known as the great) daughter, and left to his wife the rights on the castles of Cirié, Lanzo and Caselle. So Cirié became Savoy’s feud. Margherita chose as her residence Cirié castle and regned in her lands until her death, occurred in 1349.
Margherita firmly managed the three castles. She managed to obstruct the dangers and redeem the outer pretensions and threats against her possessions. She had different defence systems for the people built, but, first of all, she managed to earn the subjects’ benevolence, granting charters and exemptions which relieved the heavy obligations weighting on the community. Her reign was wise, and characterised by a long peace period. An emblematic age which transformed the territory from an afflicted border zone to a historical nucleus of savoy’s reign. www.leterredimargherita.it

 

 

ciriè reggia di venaira realeReggia di Venaria Reale

La reggia di Venaria Reale (in piemontese ël Castel 'dla Venarìa) è una delle Residenze Sabaude parte del sito seriale UNESCO iscritto alla Lista del Patrimonio dell'umanità dal 1997.
La reggia di Venarìa fu progettata dall' architetto Amedeo di Castellamonte. A commissionarla fu il duca Carlo Emanuele II che intendeva farne la base per le battute di caccia nella brughiera collinare torinese.
Lo stesso nome in lingua latina della reggia, Venatio Regia, viene fatto derivare dal termine reggia venatoria. Al borgo si unirono molte case e palazzi di lavoratori e normali cittadini che vollero abitare nei dintorni della reggia, fino a far diventare Venaria Reale un comune autonomo della provincia di Torino.
L'insieme dei corpi di fabbrica che costituiscono il complesso, enorme se si considera l'estensione (80.000 m² di piano calpestabile), (include il parco ed il borgo storico di Venaria, costruiti in modo da formare una sorta di collare che rievoca direttamente la Santissima Annunziata, simbolo della casa sabauda.
La scelta del sito, ai piedi delle Valli di Lanzo, fu favorita dalla vicinanza degli estesi boschi detti del Gran Paese, ricchissimi di selvaggina: un territorio che si estende per un centinaio di chilometri fino alle montagne alpine, giungendo a sud e a est in prossimità del capoluogo. www.lavenaria.it

Indirizzo: Piazza della Repubblica, 4, 10078 Venaria Reale TO
Provincia: Provincia di Torino
Telefono: 011 499 2333

Fonte: Wikipedia

 

bandiera eng

 

Venaria Reale’s Realm
Venaria Reale’s realm (in Piedmonteese ël Castel 'dla Venarìa) is one of the Sabaude’s Residences, part of the serial site UNESCO signed up on the List Of The Heritage of Humanity since 1997. Venaria’s Realm was projected by the architect Amedeo di Castellamonte. The duke Carlo Emanuele II commissioned it with the intention of making it the base for hunting in the hilly moorland of Turin. The same name of th Realm in Latin, Venatio Regia, means hunting realm. At the small village were added many houses and palaces that housed normal citizens and worker that wanted to live nearby the Realm, this resulted in the indipendency of the City in the province of Turin. The set of factories, that constituted the complex, includes the park and the historical village of Venaria, constituted to compose a sort of collar that recall directly the Santissima Annunziata, the symbol of the Sabauda’s house. The choice of the site, at the bottom of the Lanzo’s Valleys, was favored by the closeness of the extended woods, also called “Del Gran Paese”, rich in animals: a territory that extends for about a hundred kilometers till the mountains, that arrives till the south and east, nearby the administrative centre.
www.lavenaria.it
Adress: Piazza della Repubblica, 4, 10078 Venaria Reale TO
Province: Province of Turin
Phone Number: 011 499 2333

 

 

ciriè la mandria

Parco naturale La Mandria

Il Parco naturale La Mandria è situato tra il torrente Stura di Lanzo, il torrente Ceronda e l'area urbanizzata a nord-ovest di Torino e di Venaria Reale. È stato istituito nel 1978 dalla Regione Piemonte. 
De La Mandria è importante segnalare come essa sia organizzata al suo interno: visitando i suoi lunghi viali appositamente aperti per regalare "giornate nel verde" ai cittadini che volessero visitarla, si possono trovare punti di ristoro, quali il ristorante posto presso la cascina Prato Pascolo, cascine con cavalli, come la cascina Vittoria ed il Centro Internazionale del cavallo alla Cascina Rubianetta, spiazzi attrezzati con tavoli per pic nic e infine alcuni punti, segnalati su apposite mappe presenti all'interno del parco, dediti al noleggio di biciclette (a Prato Pascolo all'interno del Parco ed all'entrata di Druento vicino ai parcheggi) e quant'altro possa essere utile per visitare i parchi. Accanto ai sentieri più frequentati ne sono presenti altri meno battuti particolarmente adatti per l'osservazione delle specie vegetali ed animali autoctone del parco. L'attività di osservazione faunistica è intensissima e si può dire che non ci sia ragazzo torinese che non abbia passato almeno una giornata nel Parco usufruendo dei programmi formativi organizzati dalle guide naturalistiche. Vi è poi, nella parte privata del Parco, una serie di attività espressamente dedicate alla natura ed all'ambiente. Esse si raggiungono varcando il cancello sul perimetro del Parco, nella parte privata dalla parte di Fiano, a qualche minuto dalla Reggia di Venaria, ci si ritrova su viale Bella Rosina che, attraverso un bosco secolare,porta ad una grande tenuta dove sorgono un hotel 4 stelle, un ristorante e una beauty farm ricavati dall’attento restauro di un casolare risalente al XVIIIsecolo. In questa preziosa zona di riserva verde di circa 25 ettari posta nella parte terminale del Parco della Mandria verso Lanzo, dove è frequente la visita di daini, cervi e volpi, sorgeva già a partire dalla metà degli anni ‘90 un'azienda agricola, il cui obiettivo era di ottenere, attraverso tecniche e processi colturali rispettosi della Natura il recupero di semi di colture orticole ormai introvabili tra cui il piemontesissimo Pomodoro Re Umberto. La struttura vive nel pieno rispetto del rapporto Uomo-Natura grazie ad un ampio proposito di azioni, mirate alla salvaguardia ambientale. Tra le più significative: impianto di riscaldamento con pannelli solari, smaltimento dei rifiuti organici tramite un sistema di fitodepurazione, azioni e messaggi rivolti agli Ospiti per segnalare quale potrebbe essere il loro fattivo contributo al programma di aiuto all’ambiente. Ampiamente utilizzati materiali ecologici: dalla carta alle biro in plastica biodegradabile e cartone riciclato, all'uso di detergenti per pulizia a basso impatto ambientale, ai prodotti utilizzati nel ristorante e provenienti, secondo stagione, dalla stessa azienda agricola della Tenuta, fino all'impiego di creme a base di principi biodinamici certificati, all’interno della beauty farm e alla raccolta differenziata dei rifiuti e al loro riciclo attraverso i dettami della certificazione Ecolabel. Nelle vicinanze si trovano il Royal Park Golf Club e Circolo Golf Torino, due dei golf club più quotati in Italia. www.parchireali.gov.it/parco.mandria

Indirizzo: Viale Carlo Emanuele II, 256, 10078 Venaria Reale TO
Provincia: Provincia di Torino

Fonte: Wikipedia

                            

bandiera eng

 

Natural Park La Mandria
The natural park La Mandria is placed between the torrent Stura di Lanzo, the torrent Ceronda and the urbanised area at north-west of Turin and of Venaria Reale. It was established in 1978 by the Region of Piedmont.
It is important to inform about La Mandria internal organisation: visiting its long boulevards specifically open to give “days in the green” to the citizens who want to visit it, you can find restoration points, such as the restaurant placed at the Prato Pascolo farmstead, farmsteads with horses, such as the Vittoria farmstead and the International Horse Centre at the Rubianetta farmstead, equipped areas with pic-nick tables and finally some points, marked on specific maps placed inside the park, dedicated to the bike rent (in Prato Pascolo, inside the park and at the Druento access near the parking lots) and anything can be useful to visit the parks. Near the most visited paths there are other ones, less visited, particularly suitable to the plant and animal species observation. The fauna observation activity is very intense, and it can be said that there isn’t any child from Turin that didn’t spend at least a day in the park enjoying the formative programmes organised by the naturalistic guides . Then, in the private part of the park, a wide range of activities expressly dedicated to the nature and to the environment. They can be reached accessing to the park by the gate on the park’s perimeter on the private side in Fiano, some minute far from Venaria’s realm, you are in Bella Rosina boulevard which, towards a centuries-old wood, brings you to a big mansion where you can find a 4 stars hotel, a restaurant and a beauty farm obtained thanks to the careful refurbishment of a farmhouse dating back to 18th century. This precious green reserve zone of about 25 hectares of surface, placed on the final part of Parco la Mandria near to Lanzo, where deers, bucks and foxes are frequently seen, already arose in middle 1990s a farmstead, of which purpose was to obtain, through natural processes and techniques, the rescue of extremely rare seeds such as the one the very piedmontese Re Umberto tomato. The structure is fully respectful of the relationship between human and nature, thanks to a wide range of actions, aiming to the environmental safety. Between the most important ones: installation of solar panels heating, organic wastes’ disposal through a herbal purification system, actions and messages addressed to the guests in order to inform them about their possible active contribution to the environment’s help plan. The ecologic material are amply used: starting from the paper, to the pens made of biodegradable-plastic and recycled cardboard, to the use of low environmental impact cleansers, to the products used in the restaurant coming from, basing on the season, the same farmstead in the mansion, until the use of creams with biodynamic basics, inside the beauty farm, and the wastes’ separate collection for their recycling based on the Ecolabel certification’s precepts. In the nearby you can find the Royal Park Golf Club and Circolo Golf Torino, two of the most esteemed golf clubs in Italy. www.parchireali.gov.it/parco.mandria
Address: Viale Carlo Emanuele II, 256, 10078 Venaria Reale TO
Province: Province of Turin
Source: Wikipedia

 

 

ciriè Riserva Naturale della Vauda

Riserva Naturale della Vauda

L'area è caratterizzata da un'ampia zona pianeggiante punteggiata di stagni e laghetti, con numerose bassure e ristagni di rii di drenaggio, che ricordano nell'insieme la Baraggia vercellese.
Notevole interesse naturalistico rivestono le zone umide e a brughiera (relitti di brughiera pedemontana) caratterizzate da una vegetazione di tipo steppico a base di eriche e graminacee con l'associazione di numerose specie botaniche non rare, ma non eccessivamente diffuse. Anche l'aspetto archeologico riveste notevole interesse, pur essendo stati fatti fino ad ora, soltanto sporadici sondaggi che hanno comunque fatto rilevare la presenza di reperti longobardi. www.parks.it/riserva.vauda/
(foto di RR La Vauda)

 

                             

bandiera eng

 

Natural Reserve of Vauda
The area is characterized by a big flat zone rich with lakes and swamps, with numerous low points and stagnant drainage stream, that remember in the all-together Vercelli’s Baraggia. The humid zones and the moorland have a remarkable place in the naturalistic interest, characterized by a steppe type of vegetation with grasses, heathers with the association of numerous non-rare botanic species, but not excessively diffused. The archaeological aspect is also a remarkable point of interest, even though until now only a few sporadic surveys have detected the presence of archaeological Longobardic evidence. www.parks.it/riserva.vauda/ (photo of RR La Vauda)

 

 

"corona

Corona Verde Stura

Il progetto Corona Verde Stura è un’iniziativa dei Comuni di Cafasse, Ciriè, Mathi, Nole (comune capofila), Robassomero e Villanova Canavese che consiste in una rete di percorsi ciclopedonali finalizzati ad un uso diverfisicato dell’ambito del Torrente Stura di Lanzo, nell’ottica di una fruizione legata allo sviluppo ed al turismo sostenibile. Principi che, uniti ad iniziative di recupero ambientale, si propongono in continuità con l’iniziativa generale Corona Verde, finanziata dalla Comunità Europea e dalla Regione Piemonte nell’ambito del FESR (Fondo Europeo Sviluppo Regionale). www.coronaverdestura.it

                            

 bandiera eng

 

The project Corona Verde Stura  is an initiative of Cafasse, Ciriè, Mathi, Nole, Robassomero and Villanova Canavese that consists in a network of biking and footing paths aimed to a diverse use in the setting of Torrente Stura di Lanzo in the prospective of a use related to the development and the sustainable tourism. Fundamentals that, united with the initiatives of environmental rescue, offer with continuity the general initiative Corona Verde, financed by the European Community and Piedmont Region in the ERDF (European Regional Development Found) ). www.coronaverdestura.it

 

 

ciriè Parco Naturale del Colle del Lys

Parco Naturale del Colle del Lys

Punto di incontro tra diverse peculiarità ambientali
A cavallo tra la Val di Susa e la Val di Viù, dal Colle del Lys si può apprezzare un suggestivo panorama che spazia dalla pianura nord di Torino a quella del Cuneese fino a raggiungere, con occhio attento, le Alpi Marittime. Il Parco possiede un'avifauna ricca e diversificata poiché si trova su un'importante rotta migratoria; inoltre sono presenti vari tipi di habitat che possono sostenere una rilevante diversità biologica. Qui la natura non è la sola protagonista: il colle è stato teatro di importanti avvenimenti storici ed il visitatore si ritroverà al centro di quella che fu la culla della resistenza piemontese. L'area riveste altresì notevole interesse architettonico e paesaggistico per la presenza del Santuario della Madonna della Bassa, importante meta di pellegrinaggio. www.parks.it/parco.col.lys
(foto di RR Colle Lys)

 

   bandiera eng                          

 

Wildlife Park of Lys Mountain
Point of meeting between different environmental peculiarities, situated between Susa Valley  and Viù Valley the Lys Mountain can be appreciated for his suggestive panorama that includes the north part of the level ground of Torino and the Cuneese one, and reaches the Maritime Alps. The Park includes a rich and divers fauna because it’s situated on an important migratory route; moreover are present different type of habitat that can sustain a relevant biological diversity. Here nature is not the only protagonist: the Mountain has been theatre of many historical events and the visitors will be in the cradle of the piedmont resistance. The Area involves also an architectural and landscape importance thanks to the presence of the Madonna della Bassa Sanctuary, an important pilgrimage point. www.parks.it/parco.col.lys (photo of RR Colle Lys)

                                   

 

 

ciriè Riserva naturale Ponte del Diavolo

Riserva naturale Ponte del Diavolo

Il caratteristico ponte ad una sola arcata sorge ai margini dell'abitato di Lanzo, nell'area di confluenza fra i torrenti Tesso e Stura. La zona presenta lineamenti che rendono indispensabile un'opera di tutela per evitare che eventuali interventi antropici ne compromettano l'integrità. Di notevole interesse le presenze architettoniche costituite dal medievale Ponte del Diavolo e dalle Cappelle di San Rocco e di San Giacinto, oltre alle formazioni geologiche denominate "marmitte dei giganti" poste immediatamente a monte del ponte. Il tutto incorniciato da una formazione boschiva che, pur senza rivestire particolare interesse botanico-forestale, svolge un'importante funzione paesaggistica e propone un insieme di specie assai differenziate: dalle solide querce, alle betulle. 
www.parks.it/area.ponte.diavolo
(foto di RR Ponte del Diavolo)

 

   bandiera eng                          

 

Evil’s Bridge natural reserve
The characteristic one-arch bridge rises on Lanzo’s residential zone’s border, in the confluence area of the Stura and Tesso torrents. The zone shows some characteristic which make a safeguard activity necessary in order to avoid that possible human activities compromise the bridge’s integrity. The architectures in the zone, formed by the “Evil’s Bridge” and the San Rocco and San Giacinto chapels, are of remarkable interest, over the geological formation called “the giants marmites” placed immediately upstream the bridge. Everything framed by the wood which, although it hasn’t got a particular botanic interest, it conducts an important landscape function and proposes a set of very differenced species: from the solid oaks, to the birchs.
www.park.it/area.ponte.diavolo

 

 

ciriè TORINO

TORINO E PROVINCIA - EMOZIONI DA VIVERE

Viaggia con noi attraverso un territorio dal fascino straordinario, tra arte e storia, natura e cultura, sport e tradizione. In provincia di Torino la scoperta non ha mai fine, dalla prima capitale d’Italia alle Alpi delle Olimpiadi, dalle colline del Canavese alle vette del Gran Paradiso. www.turismotorino.org/

 

 

                         

 bandiera eng

 

TURIN AND SUBURBS – EMOTIONS TO LIVE
Travel with us through an extremely fascinating territory, between art and history, nature and culture, sport and tradition. In the Province of Turin the discovery never ends, starting from the first capital of Italy, to the Alps of Olympic games, to the Canavese’s hills to the Gran Paradiso’s peaks. www.turismotorino.org/

 

 

 

ciriè TURISMO TORINO

TORINO TURISMO - IL BELLO E IL BUONO DELLA PROVINCIA

Benvenuto nel bello e il buono del nostro territorio.
Raccolte in poche pagine web notizie, proposte, schede illustrative, eventi. In un unico contenitore ricco di immagini tante informazioni su turismo, cultura, enogastronomia. Una guida per facilitare la navigazione e scoprire gli angoli più suggestivi della provincia di Torino, la sua storia millenaria attraverso monumenti, opere d’arte e leggende, i prodotti tipici, gli spettacoli, le mostre. www.provincia.torino.gov.it/turismo.htm

 

                         

 bandiera eng

 

TOURISM IN TURIN – THE GOOD AND THE BEAUTIFUL OF THE PROVINCE
Welcome in the beautiful and the Good in our territory.
In few web pages a wide range of news, proposes, explicative sheets, events are gathered. In a unique container rich of images, information about tourism, culture, food and wine. A guide to facilitate the surfing and discover the most suggestive corners in the Province of Turin, its thousands-years old story through monuments, works of art and legends, the typical products, the shows and the exhibitions. www.provincia.torino.gov.it/turismo.htm

 

fuoritorino1

  CALENDARIO UFFICIALE DEGLI EVENTI NELLA PROVINCIA DI TORINO, GESTITO DA TURISMO TORINO E PROVINCIA

 

http://www.fuoritorino.it/

 

 

 

piemonteitalia eu

Il Piemonte offre una varietà di possibili itinerari culturali, che percorrono ogni epoca e che mettono in collegamento aspetti    molto  diversi della medesima regione. La ricchezza del suo patrimonio storico, artistico e architettonico permette di spaziare  dalle  testimonianze archeologiche romane all’archeologia industriale, di percorrere paesaggi di dolci colline e a poca distanza  attraversare grandi città segnate da una lunga continuità, di passeggiare per borghi o muoversi sulle tracce delle diverse forme  di  spiritualità, di andare ricercando la tradizione artigianale o il filo di antiche leggende. Qualunque sia il tema scelto, il percorso  attraversa paesaggi, più o meno segnati dalla presenza dell’uomo, di grande interesse, mostrando l’identità profonda di una regione di notevole ricchezza culturale. Il sito piemonteitalia.eu, gestito dalla Regione Piemonte, orienta i turisti nella scoperta del nostro territorio e delle sue bellezze.    www.piemonteitalia.eu

 

                         

 bandiera eng

 

Piedmont offers a variety of possible cultural itineraries, that cover every age and link very different aspects of the same region. His historical heritage richness allows to extend from the roman archaeologic evidences to the industrial archaeology, to cover sweet hills’ landscapes and at short distance cross big cities marked by a long continuity, to walk in the villages or to move on the tracks of different types of spirituality, to go looking for the artisan tradition or the way of ancient legends. Whatever the theme chosen is, the itinerary crosses landscapes, more or less marked by the human presence, of great interest, showing the deep identity of a great cultural richness region. piemonteitalia.eu site, managed by the Region of Piedmont, guides the tourists in our territory’s and its beauties discovery. www.piemonteitalia.eu

 

 

inpiemonteintorino

www.inpiemonteintorino.it